IT/Prabhupada 0900 - Quando i sensi vengono utilizzati per la gratificazione dei sensi, questa è Maya

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Quando i sensi vengono utilizzati per la gratificazione dei sensi, questa è Maya
- Prabhupāda 0900


730415 - Lecture SB 01.08.23 - Los Angeles

Io sto affermando che "Questa è la mia mano, questa è la mia gamba, questo è il mio orecchio." Anche i bambini, dicono. Chiedete ai bambini: «Che cos`è questo?" "È la mia mano." Ma possiamo affermare, ma in realtà non è la nostra mano. Ci è data. Per ... Perché volevo usare le mie mani in tanti modi, Kṛṣṇa ha dato: "Va bene, prendi questa mano. Usala.". Così è un dono di Kṛṣṇa.

Quindi un uomo sano di mente è sempre cosciente, che "Qualunque cosa ho ottenuto in mio possesso, prima di tutto, questo corpo e i sensi, in realtà non sono miei. Mi sono state date tutte queste possessioni per l'utilità. Quindi, se in ultima analisi, tutto appartiene a Kṛṣṇa, perchè non viene utilizzato per Kṛṣṇa?" Questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Questa è la coscienza di Kṛṣṇa Questa è intelligenza. Se mi sono state date tutte queste cose per il mio uso, per la mia gratificazione dei sensi, ma alla fine appartengono a Kṛṣṇa.... Mamaivāṁśo Jīva-bhūtaḥ (BG 15.7). Ognuno è parte integrante di Kṛṣṇa, così i sensi di tutti sono anche di Kṛṣṇa. Così, quando, quando i sensi sono utilizzati per il servizio di Kṛṣṇa, questa è la perfezione della vita. E così a lungo sono utilizzati per la mia gratificazione dei sensi, questa è maya. Pertanto bhakti significa hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-sevanaṁ bhaktir ucyate (CC Madhya 19.170). Hṛṣīkeṇa, dai sensi. Questo hṛṣīkeśa-sevanam ... Quando servi Hṛṣīkeśa, realmente il maestro dei sensi, questo si chiama bhakti. Descrizione molto semplice, la definizione di bhakti. Hṛṣīkeṇa hṛṣīkeśa-sevanam (CC Madhya 19.170). Hṛṣīkeśa-sevanam. Non hṛṣīka-sevanam. Hṛṣīka significa sensi. Così, quando i sensi sono usati per il piacere dei sensi, questa è māyā. E quando i sensi sono utilizzati per la gratificazione del maestro dei sensi, questa si chiama bhakti. Una definizione molto semplice. Chiunque può capire.

Generalmente, in questo mondo materiale, tutti usano i sensi per la gratificazione dei sensi. Questo è tutto. Questa è la loro schiavitù. Questa è māyā illusione. E quando arriva alla coscienza di Kṛṣṇa purificato, quando capisce che in realtà questi sensi sono fatti per soddisfare Kṛṣṇa, poi lui è una persona liberata, mukta. Mukta-puruṣa. Persona liberata .Īhā yasya harer dāsye karmaṇā manasā vācā. Quando uno arriva su questa posizione, che "I miei sensi sono fatti per servire il maestro dei sensi, Hṛṣīkeśa..." Il maestro dei sensi è, è seduto dentro il tuo cuore. Nella Bhagavad-gītā è detto, sarvasya cāhaṁ hṛdi sanniviṣṭaḥ: "Sono seduto nel cuore di ognuno." Mattaḥ smṛtir jñānam apohanaṁca: (BG 15.15). "Da Me viene il ricordo, la conoscenza e l'oblio." Allora, perché questo? Poiché Kṛṣṇa è così misericordioso ... Se voglio usare i miei sensi in un certo modo - non i miei sensi, è Kṛṣṇa, che ha dato - così Kṛṣṇa dà la possibilità: "Va bene, utilizzalo." Supponiamo che ho ottenuto la lingua. Se voglio," Kṛṣṇa, Voglio mangiare le feci. Voglio gustare le feci," "Sì,"Kṛṣṇa dirà. "Sì, prendi questo corpo di maiale, e mangia le feci." Il maestro è lì, Kṛṣṇa.

Perciò Kṛṣṇa dice mattaḥ smṛtir jñānam apohanaṁ ca (BG 15.15). Egli ti dà il corpo, per ricordarti, "Mio caro essere vivente, tu volevi mangiare le feci? Ora hai ricevuto un corpo adeguato. Ora utilizzalo. Qui ci sono le feci." Similmente, se vuoi diventare un essere celeste , Kṛṣṇa ti dà la possibilità. Qualsiasi cosa ... Ci sono 8.400, (000) forme di vita. Se vuoi ingaggiare i tuoi sensi in qualunque tipo di corpo, Kṛṣṇa ti da: "Vieni. Qui cè il corpo. Prendi." Ma diventiamo esasperati usando i nostri sensi. In ultima analisi si diventa insensati. Perciò Kṛṣṇa dice, sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ (BG 18.66): "Non fare così. I tuoi sensi sono fatti per servire Me. Così hai abusato di questo. Abusando, sei stato intrapplato in diversi tipi di corpi; quindi per ottenere sollievo da questo noioso affare di accettare un corpo e rinunciarvi, di nuovo un altro corpo, di nuovo un altro ... Per continuare questa esistenza materiale ... Se rinuncii a questo processo di gratificazione dei sensi e ti arrendi a me, allora sei salvato. "Questa è la coscienza di Kṛṣṇa