IT/Prabhupada 0901 - Non sono geloso, allora sono nel mondo spirituale. Chiunque può mettersi alla prova

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non sono geloso, allora sono nel mondo spirituale. Chiunque può mettersi alla prova
- Prabhupāda 0901


730415 - Lecture SB 01.08.23 - Los Angeles

Al momento attuale, i nostri sensi sono contaminati. Penso, "Io sono americano, quindi i miei sensi dovrebbero essere utilizzati per il servizio del mio paese, la mia società, la mia nazione ". Grandi, grandi leader, grandi, grandi, tante cose. Il vero concetto è che «io sono americano, quindi i miei sensi sono sensi americani. Così deve essere utilizzato per l'America. "Allo stesso modo i pensieri degli indiani, altri stanno pensando. Ma nessuno di loro sanno che i sensi appartengono a Kṛṣṇa. Questa è ignoranza. No intelligenza. Stanno pensando, per il momento, che questi sensi, upādhi, designati ... Sensi americani, sensi indiani, sensi africani. No. Questo è chiamato māyā. È coperto. Pertanto bhakti significa sarvopādhi-vinirmuktam (CC Madhya 19.170). Quando i tuoi sensi saranno incontaminati con tutte queste designazioni, allora questo è l'inizio della bhakti. Se penso, "Io sono americano. Perché devo prendere la coscienza di Kṛṣṇa ? È un Dio indù", questa è stoltezza. Se penso "Io sono maomettano", "Io sono cristiano", allora te ne sei andato. Ma se purifichiamo i sensi "io sono un'anima spirituale. La suprema anima spirituale è Kṛṣṇa. Sono parte integrante di Krsna; quindi è mio dovere servire Kṛṣṇa," allora diventi subito libero. Immediatamente. Tu non sei più americano, indiano o africano o questo o quello. Tu sei Kṛṣṇaizzato, cosciente di Kṛṣṇa. Questo è cosa si vuole.

Pertanto Kuntīdevī dice: Hṛṣīkeśa, mio ​​caro Kṛṣṇa Tu sei il maestro dei sensi, e per il piacere dei sensi, siamo caduti in questa condizione materiale della vita, diverse varietà di vita. " Quindi stiamo soffrendo, e la sofferenza nella misura, anche se uno diventa la madre di Kṛṣṇa... Perché questo è il mondo materiale, lei è anche messa nella sofferenza, che dire degli altri? Devakī è così avanzata che è diventata la madre di Kṛṣṇa, ma ancora è stata messa in difficoltà. E difficoltà da chi? Da suo fratello, Kaṁsa. Quindi questo mondo è così. Cerca di capire. Anche se diventi la madre di Kṛṣṇa e anche tuo fratello, che è il parente molto vicino. Così, il mondo è così geloso, che se un interesse personale è ostacolato, tutti saranno pronti a darti problemi. Questo è il mondo. Tutti. Anche se è suo fratello, anche se è suo padre. Che dire degli altri? Khalena. Khala significa geloso. Questo mondo materiale è geloso, invidioso. Sono invidioso di te; tu sei invidioso di me. Questo è il nostro business. Questo è il nostro business.

Quindi questo movimento per la coscienza di Kṛṣṇa è per tale persona che non è più gelosa, chi non è più invidioso. Persona perfetta. Dharmaḥ projjhita-kaitavo 'Tra paramo nirmatsarāṇāṁ satāṁ vāstavaṁ vastu vedyam atra (SB 1.1.2). Coloro che sono gelosi e invidiosi, sono in questo mondo materiale. E quelli che non sono gelosi, sono nel mondo spirituale. Cosa semplice. Prova su te steso: "Se sono geloso, invidioso dei miei altri soci, amici, tutto? " Allora sono nel mondo materiale. E se non sono geloso, allora sono nel mondo spirituale. Chiunque può provare. Non c'è domanda di sapere se sono spiritualmente avanzato o meno. Potete metterti alla prova. Bhaktiḥ pareśānubhavo viraktir anyatra syāt (SB 11.2.42). Proprio come quado stai mangiando, capirai se sei soddisfatto, se la tua fame è soddisfatta. Non hai avuto modo di prendere certificato dagli altri. Similmente, se ti metti alla prova, se sei geloso, se sei invidioso, allora sei nel mondo materiale. E se non sei geloso, se non sei invidioso, allora nel mondo spirituale. Quindi puoi servire Kṛṣṇa molto bene se non sei geloso. Perché la nostra gelosia, invidia ha inizio, ha cominciato da Kṛṣṇa. Proprio come i Māyāvādīs: "Perché Kṛṣṇa è Dio? Io sono, io sono anche Dio. Io sono anche. "