IT/Prabhupada 1003 - Uno deve avvicinare Dio, Dio è spirituale, ma chi gli sta chiedendo per un profitto materiale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Uno deve avvicinare Dio, Dio è spirituale, ma chi gli sta chiedendo per un profitto materiale
- Prabhupāda 1003


750713 - Conversation B - Philadelphia

Sandy Nixon: ci sono diversi percorsi dove si può imparare ad amare Dio?

Prabhupāda: No. Non è diverso.

Sandy Nixon: Voglio dire, ci sono altre vie spirituali ... Tutti i percorsi spirituali conducono alla stessa fine?

Prabhupāda: i percorsi spirituali sono divisi in quattro. Non spirituale. Il reale spirituale, spirituale misto. Proprio come questo: "Dio, dacci il nostro pane quotidiano". È un miscuglio spirituale. Uno deve avvicinarsi a Dio, Dio è spirituale, ma si sta chiedendo per un profitto materiale. Quindi questo è miscuglio, la materia e lo spirito. Quindi ci sono quattro classi. Generalmente conosciuti come karmī, attori interessati, lavorano per ottenere un certo profitto materiale. Loro sono chiamati Karmī.. Proprio come tutti gli uomini, vedrai, stanno lavorando così duramente giorno e notte, guidare le loro auto, (il rumore delle auto), in questo modo e in quel modo. Lo scopo è come ottenere qualche soldo. Questo si chiama Karmī. E poi i jñānī. Jñānī significa, lui sa questo "sto lavorando così duramente. Perché? Gli uccelli, gli animali, gli elefanti, grandi, grandi - otto milioni di diversi tipi di - non lo sono. Non hanno affari. Non hanno nessuna professione. Come stanno mangiando? Allora, perché inutilmente lavoro così tanto? Fatemi sapere cos'è il problema della vita. " Così loro capiscono che il problema della vita è la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. E vogliono risolverlo, come diventare immortale. Così hanno concluso che "Se mi fondo nell'esistenza di Dio, allora divento immortale o immune dalla nascita, morte, vecchiaia e malattia ". Questo è chiamato jñānī. E alcuni di loro sono yogi. Loro cercano di acquisire qualche potere spirituale per fare un esibizione di come giocare a meraviglia. Uno yogi può diventare molto piccolo. Se lo metti in una stanza, lui uscirà. Puoi bloccarlo. Egli verrà fuori. Se vi è poco spazio, lui uscirà. Questo si chiama anìma. Lui può volare nel cielo, fluttuare nel cielo. Questo si chiama laghìma. In questo modo, se qualcuno può mostrare questa magia, subito è accettato come un uomo molto meraviglioso. Così gli yogi, loro ... Gli yogi moderni, semplicemente mostrano qualche ginnastica, ma non hanno potere. Quindi io non parlo di questi yogi di terza classe. Vero yogi significa colui che ha avuto qualche potere. Questo è il potere materiale. Gli yogi vogliono anche questo potere. E i jñānīs vogliono anche la salvezza dall'inutile lavorare come asini - il Karmī. E i karmīs vogliono un profitto materiale. Così vogliono, tutti. Ma i bhakta, i devoti, non vogliono nulla. Vogliono servire Dio per amore. Proprio come una madre ama il suo bambino. Non è questione di profitto. Per affetto, lei ama. Così, quando arrivi a questo stadio, di amare Dio, questa è la perfezione. Così questi diversi processi, karmī, jñānī, yogi e bhakta, fuori da questi quattro processi, se vuoi conoscere Dio, allora devi accettare questa bhakti. Questo è affermato nella Bhagavad-gītā, bhaktyā mām abhijānāti (BG 18.55). "Semplicemente attraverso il processo di bhakti, uno può comprendermi, Dio". Egli non dice mai con altri processi, no. Solo attraverso la bhakti. Quindi, se sei interessato a conoscere Dio e ad amarlo, allora devi accettare questo processo devozionale. Nessun altro processo ti aiuterà.