IT/Prabhupada 1013 - Dovremmo Darci da Fare Velocemente Prima che Arrivi la Morte

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dovremmo Darci da Fare Velocemente Prima che Arrivi la Morte
- Prabhupāda 1013


750620c - Arrival - Los Angeles

Rāmeśvara: I devoti addetti alla stampa non si sentono a posto fino alla pubblicazione di tutti i tuoi libri.

Prabhupāda: Ciò è buono.

Jayatīrtha: Stanno lavorando anche coi turni di notte adesso.

Rāmeśvara: Ventiquattro ore.

Jayatīrtha: Ventiquattro ore sui compositori, così da poter trarre il massimo vantaggio dalle macchine.

Prabhupāda: E Hayagrīva Prabhu, quanti scritti stai completando? Puoi portarne a terminare almeno cinquanta.

Hayagrīva: Ci sto provando. Un'ora per ogni nastro.

Rādhā-vallabha: Hayagrīva ha finito il sesto volume del Madhya-līlā oggi. Rādhā-vallabha: Oggi Hayagrīva ha terminato l'editing del sesto volume del Madhya-līlā.

Prabhupāda: Oh, il sesto volume; Caitanya-caritāmṛta?

Rādhā-vallabha: Sì. Di nove volumi, Hayagrīva ne ha finiti sei dei Madhya-līlā.

Prabhupāda: Complessivamente ci saranno nove volumi?

Rāmeśvara: Del Madhya-līlā.

Jayatīrtha: Madhya-līlā; in tutto nove volumi.

Rādhā-vallabha: E quattro volumi di Antya-līlā.

Jayatīrtha: Complessivamente sedici volumi.

Prabhupāda: Dove si trova il nostro Gargamuni?

Bhavānanda: E' nell'est, a Buffalo.

Prabhupāda: A predicare?

Bhavānanda: Sì.

Prabhupāda: Dunque tu sei con lui, Sudāmā?

Sudama: Sì, Śrīla Prabhupāda.

Prabhupāda: Va tutto bene?

Sudāmā: Sì. (interruzione)

Jayatīrtha: ...mi ha detto che l'intero editing del Caitanya-caritāmṛta sarà ultimato entro la fine di agosto.

Jayatīrtha: Il Caitanya-caritāmṛta sarà ultimato entro la fine di agosto.

Prabhupāda: Viene anche Nitāi?

Jayatīrtha: Nitāi e Jagannātha stanno per arrivare.

Rāmeśvara: In circa tre giorni.

Jayatīrtha: Entro la fine del mese di luglio sarà... Sta andando molto veloce ora.

Prabhupāda: Molto bene. Tūrṇaṁ yateta (SB 11.9.29). Dovremmo provarci, molto velocemente, prima che arrivi la prossima morte. E la morte verrà. Preparariamoci in modo tale che prima della prossima morte terminiamo il nostro impegno nella coscienza di Krishna e torniamo a casa, da Dio. Tyaktvā dehaṁ punar janma naiti (BG 4.9). Questa è la perfezione. Perché se aspettiamo un'altra nascita, forse potremmo non ottenerla. Anche Bhārata Mahārāja è scivolato. E' diventato un cervo. Quindi dovremmo sempre essere vigili. Abbiamo avuto questa opportunità, la forma di vita umana; cerchiamo di utilizzarla il più possibile, per essere idonei a tornare a casa, da Dio. Questa è intelligenza. Non: "Va bene, avrò ancora possibilità la prossima vita." Questa non è una politica molto buona. Tūrṇam. Tūrṇam significa fine imminente. Tūrṇaṁ yateta anumṛtyuṁ pated yāvat (SB 11.9.29). (rumore di uomini che praticano karate nello studio di fronte sovrastano la conversazione) Queste persone stanno perdendo tempo; come se vivranno per sempre. Qual è l'utilità di questo...? Kara?

Jayatīrtha: Karate.

Prabhupāda: Karate. E' molto popolare in Messico.

Jayatīrtha: Ovunque.

Prabhupāda: Ma quel metodo può salvare dalla morte? Quando la morte arriverà, il suono "Go!" li salverà? Questa è follia. Invece di cantare Hare Kṛṣṇa emetteranno un qualche suono pensando che il suono li salverà. Questa si chiama follia, mūḍha. (quelli del karate cominciano a gridare a voce molto alta) Piśācī pāile jane mati-cchanna haya (Prema-vivarta). E se si chiede loro: "Perché urlate così forte? Cantate Hare Krishna!", loro rideranno.

Viṣṇujana: Śrīla Prabhupāda, cosa intende Bhaktivinoda Ṭhākuradire quando dice: "Io vado, il mio lavoro non è finito"? Quando Bhaktivinoda Ṭhākura ha dichiarato che avrebbe lasciato questo pianeta con la sua opera incompiuta?

Prabhupāda: Allora cerchiamo di terminarla. Siamo discendenti di Bhaktivinoda Ṭhākura. L'ha lasciata incompiuta in modo che potessimo avere la possibilità di concluderla. Questa è la sua misericordia. Avrebbe potuto terminarla immediatamente. Egli è un Vaiṣṇava; è onnipotente. Ma ci ha dato la possibilità: "Sciocchi, lavorate anche voi." Questa è la sua misericordia.