IT/Prabhupada 1066 - Le Persone di Poca Intelligenza Considerano la Verità Suprema come Impersonale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

People with Less Intelligence, They Consider The Supreme Truth as Impersonal - Prabhupāda 1066


660219-20 - Lecture BG Introduction - New York

L'intera predisposizione è che la figura centrale della creazione, la figura centrale del godimento, è il Signore Supremo; e gli esseri viventi sono semplicemente collaboratori. Con la cooperazione, attraverso la collaborazione essi godono. La relazione è proprio come il padrone e il servitore. Se il padrone è pienamente soddisfatto, i servitori sono automaticamente soddisfatti. Questa è una regola. Allo stesso modo, il Signore Supremo dovrebbe essere soddisfatto, anche se la tendenza di voler diventare creatore, la tendenza a godere di questo mondo materiale, c'è anche negli esseri viventi, poiché c'è nel Signore Supremo. Egli ha creato il mondo cosmico manifestato.

Quindi troveremo, in questa Bhagavad-gītā, che il Tutto completo, comprendente il controllore Supremo, gli esseri viventi controllati, la manifestazione cosmica, il Tempo eterno, e le attività, tutti sono totalmente spiegati. Quindi ciò che tiene tutto completamente insieme è chiamata Verità Assoluta. Il Tutto completo, o la Suprema Verità Assoluta, è dunque la personalità completa Suprema Śrī Krishna. Come ho spiegato, la manifestazione è dovuta alle Sue differenti energie, ed Egli è il Tutto completo.

Il Brahman impersonale, come è spiegato nella Bhagavad-gītā, anche il Brahman impersonale è subordinato alla Persona completa. Brahmaṇo 'haṁ pratiṣṭhā (BG 14.27). Egli è anche Il Brahman impersonale. Il Brahman impersonale è più esplicitamente descritto nel Brahma-sūtra come dei raggi. Come vi sono i raggi del Sole, il pianeta Sole, analogamente, l'impersonale Brahman è i raggi splendenti del Supremo Brahman o della Persona Suprema. Percui il Brahman impersonale è la realizzazione incompleta del Tutto completo assoluto, e così anche la concezione di Paramātmā. Anche ciò viene spiegato. Puruṣottama-yoga. Quando avremo letto il capitolo del Purusottama-yoga si vedrà che la Persona Suprema, Puruṣottama, è superiore al Brahman impersonale e alla realizzazione parziale del Paramātmā.

Il Signore Supremo è chiamato sac-cid-ānanda-vigrahaḥ (BS 5.1). La Brahma-saṁhitā, all'inizio, comincia in questo modo: īśvaraḥ paramaḥ kṛṣṇaḥ sac-cid-ānanda-vigrahaḥ anādir ādir govindaḥ sarva-kāraṇa-kāraṇam (BS 5.1) Govinda, Krishna, è la causa di tutte le cause. Egli è il Signore primordiale. Percui il Signore Supremo è sac-cid-ānanda-vigrahaḥ. La realizzazione del Brahman impersonale è la realizzazione della Sua parte 'sat', di eternità. E la realizzazione Paramātmā è la realizzazione di 'sat-cit', la realizzazione della Sua parte di eterna conoscenza. Ma la realizzazione della Persona Suprema come Krishna è la realizzazione di tutte le caratteristiche trascendentali come sat, cit, e ānanda, in completa vigraha. vigraha significa forma. avyaktaṁ vyaktim āpannaṁ manyante mām abuddhayaḥ (BG 7.24). Le persone di poca intelligenza considerano la Verità Suprema come impersonale, ma Egli è una persona, una persona trascendentale. Ciò è confermato in tutta la letteratura Vedica. nityo nityānāṁ cetanaś cetanānām (Kaṭha Upaniṣad 2.2.13). Così, come anche noi esseri viventi individuali siamo delle persone con la nostra idividualità, siamo tutti individui, analogamente la Verità Suprema, il Supremo Assoluto, è anch'Egli, nella Sua espressione fondamentale, una persona. Ma la realizzazione della Persona Suprema è la realizzazione di tutte le caratteristiche trascendentali come sat, cit, e ānanda, in completa vigraha. vigraha significa forma. Quindi il Tutto completo non è senza forma. Se fosse senza forma o se fosse mancante in qualsiasi altra cosa, non potrebbe essere il Tutto completo. Il Tutto completo deve contenere tutto della nostra esperienza e al di là della nostra esperienza. In caso contrario, Egli non può essere completo. La Suprema personalità completa ha immense potenze. parāsya śaktir vividhaiva śrūyate (CC Madhya 13.65, purport) Anche nella Bhagavad-gītā è spiegato come Egli agisca in diverse potenze. Questo mondo fenomenico, il mondo materiale, dove ora siamo messi, è anch'esso completo di per sé, perché pūrṇam idam (Śrī Īśopaniṣad, Invocation). I 24 elementi della filosofia Sāṅkhya, i 24 elementi di cui questo universo materiale è una manifestazione temporanea, sono completamente adeguati per produrre cose complete che sono necessarie per il mantenimento e la sussistenza di questo universo. Non è richiesto alcun sforzo estraneo da qualsiasi altra unità per il mantenimento dell'universo. Ha un proprio tempo stabilito dall'energia del Tutto completo, e quando il tempo è completato, queste manifestazioni temporanee saranno distrutte come completamente predisposto dal Completo.