IT/Prabhupada 1065 - Uno Deve Imparare Prima di Tutto Che Non è un Corpo Materiale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

One Has To Learn First Of All That He Is Not This Material Body - Prabhupāda 1065


660219-20 - Lecture BG Introduction - New York

Quando siamo materialmente contaminati, ciò si chiama stato condizionato. Stato condizionato. E il falso ego, la falsa coscienza si esibisce con questa impressione: "Io sono uno dei prodotti di questa natura materiale". Ciò si chiama falso ego. Tutte le attività materiali: yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke (SB 10.84.13). yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke: uno che è assorto nel pensiero di concezione corporea. L'intera Bhagavad-gītā è stata spiegata dal Signore perché Arjuna si è proposto in una concezione corporea. Quindi uno si deve liberare dalla concezione corporea della vita. Questa è l'attività preliminare per un trascendentalista che vuole liberarsi, che vuole essere liberato. E lui deve imparare prima di tutto che non è questo corpo materiale. Quindi questa coscienza, o coscienza materiale... quando ne siamo liberati, ciò si chiama mukti. mukti, o liberazione, significa liberarsi dalla coscienza materiale. Anche nello Śrīmad-Bhāgavatam la definizione di liberazione è: muktir hitvānyathā rūpaṁ svarūpeṇa vyavasthitiḥ (SB 2.10.6). svarūpeṇa vyavasthitiḥ. mukti significa liberazione dalla coscienza contaminata di questo mondo materiale, e situarsi nella pura coscienza. E la completa istruzione, l'istruzione della Bhagavad-gītā, è mirata a risvegliare la coscienza pura. La troveremo nell'ultima fase dell'istruzione della Bhagavad-gītā dove Krishna chiede ad Arjuna se egli sia ora nella coscienza purificata. Se era nella coscienza purificata. Coscienza purificata è agire secondo la direzione del Signore. Questa è la coscienza purificata. Questa è l'intera somma e la sostanza della coscienza purificata. La coscienza c'è già, ma poiché noi siamo parti integranti pertanto siamo influenzabili, risentiamo delle influenze materiali. Ma il Signore, l'Essere Supremo, non ne è mai interessato. Egli non ne è mai toccato. Questa è la differenza con il Signore Supremo.

Ebbene, che cosa è questa coscienza? Questa coscienza è: "io sono". Cosa sono? Quando la coscienza è contaminata questo "io sono" significa: "Io sono il signore di tutto ciò che rilevo". Questa è coscienza impura. E: "Io sono colui che gode". Nell'intero mondo materiale ogni essere vivente sta pensando: "Io sono il signore e io sono il creatore di questo mondo materiale". La coscienza ha due movimenti psichici o due divisioni psichiche. Una è: "Io sono il creatore", e l'altra: "Io sono il goditore". Il Signore Supremo è in realtà il creatore ed Egli è realmente il beneficiario. E l'essere vivente, essendo parte integrante del Signore Supremo, non è in realtà il creatore o il fruitore, ma un collaboratore. Proprio come in un intero meccanismo. La parte della macchina coopera. O se anche solo possiamo studiare la costituzione del nostro corpo. Nel corpo ci sono mani, ci sono gambe, ci sono gli occhi, e tutti questi strumenti agiscono; ma tutte queste parti integranti del corpo non sono il fruitore. Lo stomaco è il fruitore. La gamba si muove da un luogo a un altro. La mano raccoglie, la mano prepara il cibo, i denti masticano, e tutte le parti del corpo sono impegnate a soddisfare lo stomaco perché lo stomaco è la principale realtà all'interno dell'organizzazione di questo corpo. E tutto deve essere somministrato allo stomaco. prāṇopahārāc ca yathendriyāṇām (SB 4.31.14). Proprio come si può vedere rinverdire un albero versando acqua alla radice. Oppure si può essere in buona salute. Le parti del corpo come le mani, le gambe, gli occhi, le orecchie, le dita, tutto è mantenuto in salute quando le parti del corpo cooperano con lo stomaco. Allo stesso modo, l'essere vivente Supremo, il Signore, è il beneficiario. Egli è il fruitore e il creatore. E noi esseri viventi subordinati, prodotti dell'energia del Signore Supremo, dobbiamo solo collaborare con Lui. Tale cooperazione sarà di aiuto. Come, per esempio, un buon cibo afferrato dalle dita. Se le dita pensano: "Perché dovremmo darlo allo stomaco? Godiamocelo". Questo è un errore. Le dita non sono in grado di goderne. Se le dita vogliono il frutto del godimento di quel particolare cibo, devono portarlo allo stomaco.